TORINO – Finisce con un pareggio e qualche rammarico il primo impegno dell’Intergirone A-B della A2 per il Bolzano, vittorioso 11-3 nella prima partita in casa dei Grizzlies Torino, sconfitto per 5-15 nella seconda. Angelo Palumbo parte a lanciare. Gara sbloccata dai padroni di casa al terzo inning con un punto. Nella quarta ripresa Bolzano rimette le cose a posto con il fuoricampo di Ramon Bonilla. Altri due punti nel successivo quinto inning per gli ospiti. Nel settimo un punto per parte.  Angelo Palumbo (12 strike out)  cede il monte a Filippo Bertolini. L’ottavo è il big inning bolzanino con cinque punti (ad uno) per il  9-3 parziale, che costringe i Grizzlies ad alternare sul monte ben tre lanciatori nel tentativo di tamponare un momento di grande difficoltà. Bolzano piazza altri due punti nel nono inning tenendo a zero i padroni di casa, chiudendo così la prima partita sull’11-3 con 9 valide a 5, 1 errore in difesa contro i 4 torinesi e 6 basi concesse a testa. Blindato in difesa, efficace in attacco, con i primi tre della batteria dei battitori ad incidere, il Bolzano, riesce a costruire punti quando serve, dimostrando grandi progressi nel percorso di maturazione e ambientamento alla difficile categoria. In luce Dennis Introvigne con 2 su 4 in battuta, Luca Gaiga (1 su 5), Ramon Bonilla (2 su 4), Alessio Eritale (1 su 3), Andrea Siniscalchi (1 su 4) e Fabio Barcatta (2 su 4). Seconda partita in serata. Una sfida equilibrata fino ad un certo punto. Carsaniga schiera  Ruben Divina sul monte di lancio bolzanino per cinque buone riprese, con Torino che piazza un punto nel primo inning e un altro punto nel terzo. Nel quinto Bolzano accorcia con punto, ma una svista arbitrale consente ai Grizzlies di firmare due punti per il 4-1 piemontese. Nel sesto inning Bolzano firma un punto, Filippo Bertolini dal monte tiene i torinesi a zero nel parziale. Poi, nella settima ripresa, i biancorossi infilano tre punti e ribaltano il risultato portandosi avanti 5-4. Turno d’attacco per i Grizzlies con Filippo Bertolini che si infortuna al braccio, resta in campo, ma non incide e Torino torna vanto: 7-5. Entra a lanciare, a freddo, Christian Nurrito, che paga dazio e qualche errore di troppo determina un big inning torinese da 10 punti. Nell’ottavo inning lancia Fabio Barcatta, Torino piazza il punto del 15-5 che chiude a quel punto la sfida, con 19 valide (a 9) per i padroni di casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.