BOLZANO –  Nel girone B di A2 si gioca la sfida salvezza tra Bolzano Baseball Club e Verona. Appuntamento per gara1 domenica alle ore 11.00 in via Cadorna nel capoluogo altoatesino. Gara2 nel pomeriggio, alle 15.30.  Al “Tiziano Lazzarini” i biancorossi di Claudio Carsaniga se la vedono con gli scaligeri: 10 vittorie e 14 sconfitte in 24 partite giocate per la matricola padrona di casa, 9 successi e 25 sconfitte per gli ospiti. All’andata, quando Bolzano aveva appena cominciato il processo di ambientamento all’impegnativa categoria, finì con una vittoria a testa. I biancorossi si imposero per 5-0, cogliendo il primo successo al ritorno in categoria dopo oltre sei lustri di assenza, mentre i veronesi la spuntarono in gara2 per 10-0, manifesta al settimo inning. Tanta acqua è passata sotto i ponti da quel giorno di metà aprile. I ragazzi di Claudio Carsaninga sono cresciuti come collettivo, acquisendo la giusta mentalità per dimostrarsi competitivi in categoria. Quello di oggi è un incontro di particolare importanza ai fini della permanenza in categoria, che i padroni di casa affrontano con la consapevolezza di essere competitivi. Indispensabile sarà giocare con il piglio, la concentrazione e la determinazione messi in mostra in gara1 nel precedente turno contro la capolista Castenaso, grande favorita al successo finale. Verona, prima del riposo, si era arreso, in trasferta, in entrambe le gare alla quarta forza del torneo, i Bologna Athletics (6-2, 5-3), facendosi rimontare nella seconda partita dopo aver conquistato tre punti. Bolzano invece è reduce dall’ottima prestazione fornita contro la corazzata Castenaso (vittoria per 2-0 in gara1 e sconfitta per 2-13 in gara2). Prima partita da applausi, grazie all’ennesima prestazione maiuscola sul monte di Angelo Palumbo e massimizzano al meglio le 5 valide messe a segno. Score aperto da Bonilla con un solo homer al primo inning, mentre al terzo il 2-0 è stato firmato da una volata di Gaiga. In gara2 il dominio di Castenaso, che ha poi ritrovato la vetta aggiudicandosi il recupero durante la sosta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *